mercoledì 15 aprile 2009

Allsvenskan - 2° giornata

Dopo una prima giornata "di studio", l'Allsvenskan entra nel vivo con un secondo turno scoppiettante. Sugli scudi due grandi storiche del campionato, IFK Goteborg e Malmo, brillantissime all'esordio nelle rispettive arene.

Nel rinnovato Gamla Ullevi, trasformato da fatiscente impianto d'inizio secolo in un gioiellino dotato di ogni comfort, i Blavitt hanno spazzato via il Djurgarden con un pesantissimo 6-0, frutto di una prestazione pressoché perfetta. Le scelte del duo Rehn-Olsson si sono rivelate decisive: l'inversione di ruolo delle ali, l'ex Tobias Hysen e Stefan Selakovic, e l'inserimento in mediana del giovane Sebastian Eriksson in luogo dell'esperto Thomas Olsson, hanno scompaginato i piani difensivi del DIF, incappato in una giornata che definire storta è poco. L'imbarazzante tedesco Jan Tauer ha sofferto oltremodo la velocità di Hysen, devastante nell'inedito ruolo di ala destra; il portiere Dembo Touray ha evidenziato preoccupanti limiti di piazzamento, culminati nell'incredibile rete da centrocampo di Sigurdsson; l'ex centravanti Mikael Dahlberg, posizionato incautamente davanti alla difesa, praticamente non l'ha vista mai. Nelle praterie concesse dalla squadra di Stoccolma, gli attaccanti del Goteborg hanno maramaldeggiato: prima Selakovic su assist di Erik Lund, poi il giovane Robin Soder, quindi la doppietta di Hysen e in men che non si dica i biancoblù si sono trovati sul 4-0. La ripresa è stata di pura accademia, con il già citato eurogol dell'islandese Ragnar Sigurdsson, capace di infilare il portiere avversario con una parabola da oltre il centrocampo, e il gol della staffa di Pontus Wernbloom, su assist dell'esordiente Tobias Sana.

Un Goteborg brillantissimo, che ha messo in evidenza tutte le sue caratteristiche migliori: grande velocità, buona tecnica dei singoli e una solidità difensiva ormai acclarata. Il rischio per la giovanissima truppa di Rehn e Olsson sarà mantenere questo standard per tutta la stagione: più di metà della rosa titolare (Bjarsmyr, Sigurdsson, Johansson, Svensson, Wernbloom e Soder) sono seguiti ormai da tempo da società di mezza europa, vuoi per la loro età, vuoi per il costo non certo proibitivo. Ipotizzare uno smantellamento della rosa già a giugno è improbabile, ma tenuto conto che quasi tutti i sopracitati disputeranno da titolari l'Europeo Under 21, le sirene del Continente potrebbero aumentare d'intensità, costringendo l'IFK a rivedere i propri piani, anche in vista della prossima Coppa Uefa (o Europa League, o come diavolo si chiamerà).

Il Djurgarden, per quanto brutto, non può essere quello visto al Gamla Ullevi. Per la sfida di stasera contro il Gefle si ipotizzano già diverse "epurazioni", comunque necessarie vista la forma precaria di molti elementi. Anche il Goteborg scenderà in campo tra poche ore, nel derby "minore" contro l'Hacken, sfida tradizionalmente ricca di insidie per i Blavitt.

Tra i grandi protagonisti della seconda giornata c'è sicuramente Agon Mehmeti, giovane puntero di origine kosovara del Malmo, autore di una splendida doppietta all'Orgryte. Nel nuovissimo Swedbank Stadion, che ospiterà la finale dell'Europeo Under 21 tra qualche mese, gli Himmelsblatt hanno messo in mostra i propri talenti, dal neoacquisto brasiliano Ricardinho (esterno sinistro di difesa cercato anche dal Sao Paolo) all'ex Feyenoord Labinot Harbuzi, autore del gol dell'1-0, passando per Jimmy Durmaz e Guillermo Molins. Un'autentica "babele" quella del Malmo, che si contrappone alla versione quasi autarchica ma altrettanto giovane del Goteborg. L'Orgryte, dopo la scoppola nel derby nella prima giornata, incassa altri 3 gol, candidandosi suo malgrado al ruolo di grande delusione stagionale. A far compagnia ai rossoblù sul fondo della classifica ci sono Hacken e Orebro, sconfitti rispettivamente da Brommapojkarna (reti di Olof Guterstam e Joakim Runnemo) e Elfsborg (a segno nel finale con il neoacquisto Joel Johansson).

Restano invece a punteggio pieno, oltre al Malmo, anche AIK ed Helsingborg. I gialloneri di Stoccolma regolano 1-0 il Kalmar in trasferta grazie al gol da opportunista dell'argentino Ivan Obolo, mentre Larsson e compagni confermano il proprio ottimo momento superando il GAIS a Goteborg (reti di Rasmus Jonsson, Erik Sundin, Renè Makondele e dello stesso Henrik Larsson; gol della bandiera del GAIS a firma di Tommy Lycen).

Completano la giornata il pareggio tra Halmstad e Trelleborg (vantaggio di Marcus Pode per la squadra della Scania, pareggio di Emir Kujovic per i padroni di casa con un gran gol al volo) e la sorprendente vittoria del Gefle sul campo dell'Hammarby, firmata ancora una volta da Hasse Berggren e dal giovane Amadou Jawo, autore di un bel gol in contropiede. Per l'Hammarby, cui non basta il gol dello statunitense Charlie Davies, un inizio di stagione stentato, a conferma del momento non certo felice della società di Stoccolma Sud.

18 commenti:

Anonimo ha detto...

Colpaccio del "Gnaget" in quel di Kalmar... bella anche la vittoria dei "ragazzi di Bromma", li vedo tostarelli.

Noi invece ci fermiamo in casa contro il Gefle, speriamo bene, anche perche adesso arriva l Elfsborg se non sbaglio...

Hej då!

Franco Pasquini

Giuliano Adaglio ha detto...

L'AIK è una squadra tosta, con giocatori di esperienza e con una "fame" di vittorie come forse nessuno in Svezia in questo momento. Il Kalmar comunque mi sembra decisamente ridimensionato rispetto all'anno scorso. Già la perdita di Santin s'era fatta sentire, ora senza Ingelsten e Viktor Elm mi sembra che la conferma in campionato sia pura utopia. Pensare che questa squadra si dovrà giocare l'accesso alla prossima Champions League non mi lascia molto tranquillo...

Anonimo ha detto...

Il Bromma ha preso altri 3 puntarelli fuori casa... voi Blåvitt invece siete andati maluccio! Ma come mai? non ho visto la partita causa impegni.

A proposito, tu dove le guardi maggiormente le partite?

Comunque sono d accordo con te, il kalmar ha perso delle pedine fondamentali... io non riesco a farmi un idea del campionato che potra fare il Malmö invece...

Franco Pasquini

Giuliano Adaglio ha detto...

Franco, faccio che risponderti qui anche alle commento del post precendente. Della partita di ieri non riesco a dire nulla: uno spettacolo raccapricciante, l'unica cosa che mi viene in mente è che i ragazzi abbiano festeggiato troppo dopo i 6 gol rifilati al DIF e si siano presentati in campo ancora ubriachi. Mah. Cmq l'Hacken m'è sembrato una squadretta onesta, molto solida in difesa con il gigante Soderberg al centro e l'esperto Lind a sgroppare sulla fascia destra. In mezzo una serie di falegnami neanche poi così malvagi (Chatto, Saarinen) e davanti l'elettrico Paulinho, la vecchia volpe Jonas Henriksson (che a Goteborg, a parte il gol salvezza di qualche anno fa nello spareggio col Frolunda, sembrava un bidone a dir la verità) e il nuovo acquisto Josef Karlsson dotato di un buon tiro. Non parliamo poi dell'ex per eccellenza, quel Mattias Ranegie insensatamente ignorato dall'IFK e autore bello bello di una doppietta ieri...

Va be', questioni tecniche: le partite le guardo sempre su canalplus (www.canalplus.se). Da quest'anno danno TUTTO il campionato, in ottima qualità. Purtroppo non è molto economico (intorno ai 10 euro a partita, poi ci sono gli abbonamenti che permettono di risparmiare qualcosa) ma questo è quel che offre il mercato. In alternativa c'è sempre lo streaming, che però in Svezia non ha sempre una grande copertura. Fino all'anno scorso quando canalplus non offriva il servizio a pagamento c'era un po' più di "offerta", ora tutti preferiscono orientarsi sul servizio ufficiale. Il problema maggiore, in termini di visibilità, sono le coppe nazionali e internazionali, generalmente snobbate dalla tv svedese e cmq molto difficili da trovare in rete. Alcuni club hanno avviato delle sperimentazioni di tv private, che però utilizzano principalmente per contenuti di approfondimento o tutt'al più per le amichevoli.

Venendo al Malmo: non li ho ancora visti giocare per 90', ma mi sembrano una squadra interessante, sicuramente non ai livelli di qualche anno fa, ma se non altro ora si intravede un progetto. Dall'accozzaglia di presunti campioni (per l'Allsvenskan) dei tempi di Litmanen & co. si è passati alla valorizzazione dei giovani. Alcuni (Mehmeti, Harbuzi, Molins, per certi versi anche lo stesso Ofere) sono parecchio interessanti. Staremo a vedere, io per ora non li vedo favoriti per il titolo. Non mi sono ancora espresso in questo senso, ma se dovessi puntare una corona, a malincuore, ma la punterei sull'Helsingborg. Non ho motivazioni tecniche particolari, è - diciamo così - una sensazione. Per il resto l'Allsvenskan resta un campionato totalmente imprevedibile, dove forma, mercato ed eventi divini vari hanno un peso specifico impressionante.

http ha detto...

Ciao, hai fatto un gran lavoro, complimenti, volevo chiederti una cosa, secondo te quale squadra Svedese ha maggiori chance di andare avanti in Europa,

Giuliano Adaglio ha detto...

Mah, ora come ora non saprei. Manca un sacco di tempo alla prossima stagione e gli equilibri potrebbero cambiare sensibilmente. Comunque, al di là delle mie simpatie, se il Goteborg riuscisse a conservare i suoi talenti (cosa abbastanza difficile, temo) ha dimostrato di potersela giocare in Europa. L'anno scorso nei preliminari di Champions l'IFK è stato elminato solo da un rigore fantasma contro il Basilea, e con un anno in più di esperienza sulle spalle dei vari Soder, Wernbloom e Sigurdsson un po' di strada in Uefa potrebbe farla.

L'Helsingborg stesso, un anno fa fu protagonista di un cammino molto brillante in Uefa, concluso solo ai sedicesimi contro il Psv.

Molto dipenderà dai sorteggi: la strada per i gruppi di Uefa è lunga, il Goteborg salterà i primi due preliminari, ma dovrà comunque superare due turni insidiosi prima di accedere ai gironi. L'Helsingborg partirà addirittura dal primo preliminare, mentre l'Elfsborg entrerà in gioco nel secondo. Il Kalmar se la può giocare nel secondo preliminare di Champions, ma già nel terzo contro squadre di livello superiore (l'Olympiakos, l'Anderlecht o lo Standard, lo Slavia, il Copenhagen o il Brondby) la vedo dura.

Purtroppo al momento il calcio svedese non può competere né con le grandi "storiche" (Italia, Spagna, ecc...) né con i paesi emergenti (Russia e Ucraina su tutti) per evidenti ragioni economiche. L'unica speranza sarebbe riuscire a costruire un gruppo vincente trattenendo fino a piena maturazione i talenti fatti in casa, cosa francamente utopica dal momento che anche solo Danimarca e Olanda offrono ingaggi decisamente più lauti.

Per le chance specifiche delle squadre ne riparliamo a luglio, ma non ho grandi speranze!

Anonimo ha detto...

Ieri ho visto l'Helsinborg, appunto, e mi senti di appoggiare le tue teorie.
Nonostante un ottimo Hammarby autore di un'onestissima partita alla fine l'ha spuntata la solidità dell'Helsinborg, con C.Andersson...

E si rimane a un punticino :P

Avrei voluto vedere Aik-Malmö, ma per motivi di "cuore" non ho potuto farlo... chissà che partita è stata, appena ho un minuto libero mi informo

Franco Pasquini

Giovanni Mastronardo ha detto...

ciao,è la prima volta che scrivo.non sapevo esistesse un blog sull'affascinante calcio svedese...complimenti per il lavoro svolto e per la tua passione

vogliamo scambiarci i link??

grazie e a presto

Giuliano Adaglio ha detto...

Grazie Giovanni, il blog è effettivamente molto recente! Ho inserito i tuoi due siti nella lista dei link. A presto!

alexilgrande ha detto...

Ciao. E' la prima volta che scrivo qui.

Il blog è molto interessante. L'ho già linkato nel mio sito allaconquistadellasvezia.

Giuliano Adaglio ha detto...

Ciao alex, ho aggiunto anch'io il tuo link. E mi si è aperto un mondo! Non pensavo ci fosse tutta questa gente appassionata di Svezia e desiderosa di andare a vivere nelle Terre del Nord! Io, ti confesso, sono un italiano stra-doc e adoro il mio paese, per quanto sia sicuramente affascinato dalla Svezia e da tutto quanto le sta intorno (efficienza, cordialità, qualche cibo, donne (!), ecc...). Al momento però non credo me la sentirei di barattare il sole e il senso di casa che mi da' l'Italia con il rigido inverno di Goteborg e dintorni. Al di là di tutto, come avrai capito, il mio cuore calcistico batte per una squadra di quelle latitudini, e al cuor non si comanda! a presto!

Anonimo ha detto...

Ma le guardi direttamente dal sito di canalplus o lo prendi con la parabola?
Stavo dando un occhiata sul sito ma con l'iphone è una tortura. Se è possibile acquistarle e vederle sul sito puoi orientarmi dicendomi la sezione almeno mi risparmio un esaurimento nervoso?

Grazie caro,

Franco pasquini

Giuliano Adaglio ha detto...

ciao franco, in effetti ho messo il link generico di canalplus, quando avrei fatto meglio a mettere quello specifico dell'allsvenskan, questo qua: http://www.csports.se/

Io le vedo in rete, pago con carta di credito e in due minuti mi collego. La registrazione è intuituva, la partita si vede benissimo, e per uno che per anni ha dovuto arrangiarsi con radiocronache (bei tempi però, quando in onde medie captavo a mala pena il gol di Blomqvist al Barcellona...), immagini scattose in streaming, dirette scritte, forum e quant'altro, canalplus è una pacchia. Ripeto, l'unico è inconveniente è il costo, ma che ce volete fa? Vorrà dire che me magnerò una pizza de meno!

Anonimo ha detto...

Oh perfetto! non importa del costo!
Io ho iniziato vedendole su canal+ nei vari pub l'anno che sono stato a Stoccolma, poi tornato qui con una conoscenza decente della lingua mi sono dato alla radio in streaming... ma adesso è ora di tornarle a vedere in diretta ;)
Domani provo a vedermi il Derby, sperando che csport mi accetti la postepay come modalità di pagamento.

Grazie ancora

Franco Pasquini

Anonimo ha detto...

[B]NZBsRus.com[/B]
Escape Slow Downloads With NZB Downloads You Can Hastily Find HD Movies, Games, Music, Applications and Download Them at Fast Speeds

[URL=http://www.nzbsrus.com][B]Newsgroup[/B][/URL]

Anonimo ha detto...

Making money on the internet is easy in the undercover world of [URL=http://www.www.blackhatmoneymaker.com]blackhat download[/URL], It's not a big surprise if you have no clue about blackhat marketing. Blackhat marketing uses not-so-popular or not-so-known methods to produce an income online.

Anonimo ha detto...

top [url=http://www.c-online-casino.co.uk/]casino bonus[/url] check the latest [url=http://www.realcazinoz.com/]online casinos[/url] unshackled no set aside perk at the leading [url=http://www.baywatchcasino.com/]unshackle casino games
[/url].

Anonimo ha detto...

[url=http://www.23planet.com]casinos online[/url], also known as accepted casinos or Internet casinos, are online versions of important ("chunk and mortar") casinos. Online casinos ok gamblers to choice up and wager on casino games quite the Internet.
Online casinos customarily happen on the buyer heinous odds and payback percentages that are comparable to land-based casinos. Some online casinos government higher payback percentages in the help of furrow gismo games, and some flesh out b compose known payout participation audits on their websites. Assuming that the online casino is using an correctly programmed non-specific uncountable generator, eatables games like blackjack clothed an established column edge. The payout bit after these games are established at on the horizon the rules of the game.
Uncountable online casinos sublease or take hold of their software from companies like Microgaming, Realtime Gaming, Playtech, Wide-ranging Artfulness Technology and CryptoLogic Inc.